Posts contrassegnato dai tag ‘deputato’

Giuseppe Lauricella

di Giuseppe Lauricella *

Il terrorismo può battersi se agli interessi economici si faranno prevalere gli interessi dei popoli. Quello che è successo in Francia è un attacco lucido al nostro mondo, alla nostra cultura, alla nostra storia, alla nostra identità.

Molti errori sono stati commessi dai governi occidentali che li hanno concepiti ed attuati. L’idea statunitense di esportare la democrazia ha sempre celato il vero fine: la colonizzazione delle aree d’interesse economico. Il mondo concepisce misure e azioni basate sul profitto. Dalla politica interna alla politica estera ogni atto porta il segno della convenienza economica o finanziaria.

Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti. L’Iraq, la Libia, ne sono l’esempio. Ma l’effetto è avere rotto equilibri che garantivano le nostre democrazie. Per esportare la democrazia (e conquistare aree di interessi economici) abbiamo messo in pericolo le nostre. Le democrazie maturano se ne hanno l’humus, non se le imponi. L’imposizione è comunque segno di prevaricazione che non coincide con lo spirito democratico.

Anche gli atteggiamenti della Russia e nei confronti della Russia hanno scalfito altri equilibri. Ma sempre i motivi economici hanno prodotto le scelte. È tempo che gli interessi di parte (economici) cedano di fronte all’interesse di tutti (pace e sicurezza). È tempo di rivedere tutto per non perdere tutti.

* Deputato nazionale

di Giuseppe Lauricella *

Perché se ne accorga e lo denunci solo adesso è, quantomeno, sospetto.
Renato Brunetta, obiettivamente, glielo dice da un anno. Ma anche i “fittiani”, come Bianconi.
I suoi deputati e i suoi senatori ha1891297_803361763012132_198954248_nnno ignorato, per l’allora convenienza e fedeltà al “patto”, le tante perplessità in tal senso provenienti dai numerosi e qualificati esperti sentiti in Commissione Affari Costituzionali e dagli interventi di alcuni componenti (compreso del Partito Democratico). Tanto è vero che, per esempio, l’Italicum è stato approvato al Senato grazie a (o a causa di)  Forza Italia e con la contrarietà della minoranza PD.
Ora che a Berlusconi non tornano più i suoi conti, si accorge della “deriva”?
Meglio tardi che mai.
Se c’è davvero un rischio deriva, credo che non sarà solo nella battaglia democratica. Sperando che fra qualche ora non cambi idea, magari a fronte di un rinnovato interesse (altro).

* Deputato