Festa dei Racconti e dei Doni. Dal 30 ottobre al 2 novembre per Ballarò d’Autunno

La Festa dei racconti e dei doni prende il via il 30 ottobre nel quartere di Ballarò, a Palermo, con una serie di appuntamenti tra il mercato e l’oratorio di Santa Chiara per celebrare la tradizionale “Festa dei morti”.

Il quinto appuntamento di Ballarò d’autunno 2015 _15092015085218guarda alla tradizione della “Festa dei morti” come  un momento di passaggio tra le generazioni, che si realizza con il dono e con la narrazione. Al mercato di Ballarò dal 30 ottobre al 2 novembre i commercianti doneranno una poesia ai propri clienti al momento dell”acquisto della spesa, mentre altri doni saranno creati e messi in esposizione nei laboratori della Sartoria sociale previsti a Santa Chiara. Gli appuntamenti con i racconti sono previsti Venerdi 30, alle 17:30, all’Oratorio di Santa Chiara con il convolgimento di autori, narratori, giornalisti ed operatori culturali e vedono al centro dell’attenzione Luca Scarlini, giornalista e noto saggista, drammaturgo, storyteller, professore all’Accademia di Brera,  che parlerà di Storytelling e narrazione nelle dinamiche sociali di oggi a Ballarò e Palermo insieme a Roberto Puglisi giornalista, Donatella Natoli operatrice culturale e sociale, Amelia Bucalo Triglia esperta di comunicazione,  Massimo Castiglia operatore sociale e consigliere della 1° Circoscrizione.

Sempre Venerdi 30 all’Oratorio di Santa Chiara, alle ore 21:00, Luca Scarlini è interprete dello spettacolo di narrazioneL’anima di stucco: un racconto sui fantasmi” di Giacomo Serpotta.

Giacomo Serpotta, maestro di un’arte bianca, amava dare corpo a figurazioni complesse, strepitose visioni di barocca bellezza, bianche distese di allegorie dove sempre trovavano posto i “carusi” della città e, come vuole la leggenda, le belle signore della notte posavano per le sue immagini più stregonesche, come la Lussuria, in abiti moderni, che sta nell’Oratorio di San Lorenzo. L’anima di stucco è un racconto su un grande artista, che ha sedotto scrittori, artisti, fotografi: un “cunto” sulla metafisica seduzione di uno scultore appartato, che riecheggia nelle parole di Ernesto Basile, Franco Fortini, Vincenzo Consolo, Roger Peyrefitte, come nei quadri di Fabrizio Clerici.Mercato_Ballarò

Domenica 1 novembre all’Oratorio di Santa Chiara, alle 19:00, Beatrice Monroy racconta Demoni e centauri la straordinaria vicenda, piena di colpi di scena, di demoni, centauri e altri eventi tra il fatato e la disperata realtà del presente di un gruppo di eremiti che più di mille anni fa decise di abitare il deserto. Come e con quali armi combatterono il demonio e cosa succederebbe adesso se, uscendo dalle loro celle, incontrassero decine e decine di passi di gente in fuga? La narrazione si snoda tra il racconto più classico dalla mitologia degli Padri del deserto e il salto nell’immaginario  che ci dà il presente. È la prima versione di un lento lavoro verso la stesura di un romanzo dal titolo “Storie di noi, una cura per l’irrimediabile”.

Per info: ballaroeventi.com

Pagina Facebook: Ballarò significa Palermo

Il programma

Venerdì 30 ottobre

Mercato di Ballarò

Ore 8:00-18:00. Ballarò dona poesia. I negozianti aderenti doneranno ai propri clienti, insieme al coppo o al sacchetto della spesa, una poesia (fino ad esaurimento scorte). In collaborazione con Centro Studi Narrazione Le Città Invisibili.

Oratorio di Santa Chiara – piazza Santa Chiara

Ore 17:30. Conversazione a più voci: Storytelling e narrazione nelle dinamiche sociali di oggi a Ballarò e Palermo con Luca Scarlini storyteller, Amelia Bucalo Triglia esperta di comunicazione, Roberto Puglisi giornalista, Donatella Natoli operatrice sociale e culturale, Massimo Castiglia operatore sociale e consigliere della 1° Circoscrizione.

Ore 21:00. Spettacolo di narrazione “L’anima di stucco”: un racconto sui fantasmi di Giacomo Serpotta di e con Luca Scarlini.

Sabato 31 ottobre

Mercato di Ballarò

Ore 8:00-18:00. Ballarò dona poesia.

Oratorio di Santa Chiara – Piazza Santa Chiara

ore 10:30-13:00 e 16:30-18:30. Laboratorio di Cucito creativo a cura della cooperativa Al Revés Sartoria Sociale.

16:30-18:30. Laboratorio di narrazione e scrittura autobiografica sul tema del dono, condotto da Leonora Cupane, a cura del Centro Studi Narrazione Le Città Invisibili.

Ore 16:30 – 18:30. Racconti letture alternative su eventi del vissuto collettivo e fatti di cronaca raccontate dagli stessi autori, a cura di Apertura a Strappo, un collettivo di autori, lettori, musicisti, performer che movimentano un blog letterario fondato sulla condivisione di idee, passione per la scrittura e per la lettura, ma non solo.

Domenica 1 novembre

Mercato di Ballarò

Ore 8:00-18:00. Ballarò dona poesia.

Oratorio di Santa Chiara – piazza Santa Chiara

Ore 19.00.  Demoni e centauri. Un racconto di e con Beatrice Monroy.

Lunedì 2 novembre

Mercato di Ballarò

Ore 8:00-18:00. Ballarò dona poesia.

Oratorio di Santa Chiara – Piazza Santa Chiara

Ore 16:30-18:30. Laboratorio di Cucito creativo a cura della cooperativa Al Revés Sartoria Sociale.

Ore 16:30 – 18:30. Racconti a cura di Apertura a Strappo.

n.b. Per la partecipazione al laboratorio de “Le Città Invisibili” è necessario portare un dono. Con i doni raccolti verranno premiati bambini e ragazzi meritevoli a cura dell’Oratorio S. Chiara e dell’Istituto comprensivo “Nuccio”.

Informazioni: 347.122.52.66

Presentato oggi “Ballarò d’autunno”: appuntamenti dal 25 settembre al 13 dicembre

di Amelia Bucalo Triglia

Si è svolta questa mattina, martedi 15 settembre al Palazzo di Città del Comune di Palermo, la conferenza stampa di presentazione del programma “Ballarò d’autunno. Narrazioni Verso il museo della città” prevista a Palermo dal 25 settembre al 13 dicembre 2015._15092015085218

Sono intervenuti alla conferenza stampa il Sindaco del Comune di Palermo Leoluca Orlando, l’Assessore alla Cultura Andrea Cusumano, il Presidente della Consulta delle Culture Adham Darawsha, il presidente associazione Festival energie alter-native Dario Ferrante , il presidente Ars Nova e rappresentante “Comitato Ballarò significa Palermo”, Giulio Pirrotta e Piero Longo, presidente “Italia Nostra Palermo”.

La manifestazione “Ballarò d’autunno”, illustrata questa mattina, prende vita dal 25 settembre al 13 dicembre a Palermo per far conoscere il quartiere Ballarò, con un calendario che include una serie di appuntamenti collegati a ricorrenze emblematiche della tradizione palermitana ed alle Giornate internazionali: 26 settembre la Giornata europea delle lingue, 27 settembre Giornata mondiale del sordo, 16 ottobre Giornata mondiale dell’alimentazione, 2 novembre festa dei morti”, 13 dicembre Santa Lucia. Incontri, installazioni, perfomance, danze e racconti, convegni e concerti, esposizioni di prodotti artigianali, percorsi in bicicletta e passeggiate sono le attività inserite in “Ballarò d’autunno” per promuove i beni e le attività esistenti nel territorio, la conoscenza del patrimonio artistico e culturale, le realtà produttive e di impegno sociale della città.

“Ballarò è Palermo e Palermo è Ballarò”. È questo il messaggio che arriva da questa straordinaria iniziativa – ha detto il sindaco, Leoluca Orlando -, che cerca di coniugare radici e ali, la storia di questo quartiere con il futuro. Da questo punto di vista l’auspicio che Ballarò possa essere sempre più Palermo, cosi come lo sono Sferracavallo o Brancaccio, perché ogni quartiere di questa città deve trovare le ragioni storiche nelle proprie radici ed il motivo per rinnovarsi, per passare dal bancone di vendita al car sharing o al bike sharing. Credo sia questo il vero senso di mettere insieme una città mediorientale che vuole restare in Europa e che vuole essere europea. Ed è la conferma che Palermo si è risvegliata, uscendo dal tunnel del dissesto finanziario del Comune e dall’isolamento internazionale, con una più sempre crescente e continua presenza di turisti. Oggi, la conferma di questa apertura della città, mette il Palermitano, ogni mattina e ogni sera, nelle condizioni di avere anche il problema di dover decidere a quale manifestazione culturale partecipare”.

Per il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha, l’appuntamento con “Ballarò d’autunno”, “offre alla città una serie di eventi che danno una visione d’insieme della cultura palermitana. Legata a luoghi e persone. Oggi come consulta abbiamo aderito con forza, in quanto crediamo che questo tipo di eventi mostra un volto della città spesso messo da parte. Apprezziamo soprattutto il fatto che gli organizzatori abbiano voluto coinvolgere la consulta e le comunità migranti proprio per esprimere la diversità culturale della nostra città”.

“Il calendario con gli eventi culturali tematici, così come è stato realizzato nelle precedenti edizioni di “Ballarò d’autunno 2013”, “Festival di Rosalia 2014” e “Ballarò di Primavera 2015” – afferma Giulio Pirrotta, rappresentante del Comitato “Ballarò significa Palermo” – prevede il coinvolgimento e la partecipazione degli abitanti e degli operatori dell’Albergheria, del Capo, del centro storico dei quattro mandamenti e di Palermo in generale, proponendo, tramite lo slogan “Ballarò significa Palermo”, un’idea di cittadinanza condivisa ed un’azione di sistema che valorizzi le energie e le risorse positive presenti”.

Dal 25 al 27 settembre, tre giornate sono dedicate all’internazionalità e all’interculturalità di “Palermo in Tutte le Lingue”: letture e narrazioni tematiche nella varie lingue sono affidate a persone madrelingua e a studenti, con itinerari tra i monumenti e conversazioni a più voci sul tema.

Si balla, con il coinvolgimento del pubblico, la danza Latino Americano sabato 26 settembre in Piazza Casa Professa, la Contradanza sabato 31 ottobre alle 21 in Piazza Santa Chiara e sabato 12 dicembre con lo Swing.

ballaro_1Dal 10 al 16 ottobre “amoBallarò” prevede concerti, una mostra di Sara Garraffa alla Chiesa del Carmine Maggiore a piazza Ballarò, alla Chiesa S. Francesco Saverio all’Albergheria la proiezione del film documentario di Sergio Zavoli “Albert Schweitzer” ed il convegno “Bach, l’Africa, il pensiero teologico. Il musicista poeta di Albert Schweitzer”.

Dal 16 al 18 ottobre 2015 a Piazza Casa Professa si svolgerà “Dimmi come mangi e come ti muovi”, sull’alimentazione a Km 0, energie rinnovabili e mobilità sostenibile, per l’8° Festival Energie alter-native. “La mission del Festival – afferma Dario Ferrante, presidente associazione “Festival energie alter-native” – è creare una community di enti, associazioni, artisti e aziende che portino avanti la cultura e le applicazioni pratiche delle energie rinnovabili, mettendo in contatto con i cittadini le aziende ed i Comuni che sono interessati all’utilizzo delle energie pulite per il bene delle loro comunità”.

Il 26 ottobre a San Giovanni Decollato, in occasione dell’anniversario dalla fondazione dell’Association Francophone de Palerme, è previsto l’incontro con Jean-Marc Moura in “Migrances et traversées en Méditerranée”.

Dal 30 ottobre al 2 novembre 2015 all’Oratorio di Santa Chiara si celebrerà la “Festa dei Racconti e dei Doni”, con un villaggio di doni, narrazioni e  passeggiate.

Dall’11 al 13 dicembre è il momento di “Lumi della città”, una manifestazione tutta da scoprire creata da “Elementi ed Ars Nova” con  performance ed incontri.

“Ballarò d’autunno” è organizzata e promossa dal Comitato “Ballarò significa Palermo” composto dalle associazioni “Ars Nova”, “Italia Nostra-Palermo”, “Kleis”, “Culturae”, “Insieme per la Cultura”, e da quest’anno s’inserisce anche l’associazione “Elementi” con le sue iniziative di valorizzazione territoriale.

A “Ballarò d’autunno” ha aderito il Comune di Palermo, la Presidenza del Consiglio Comunale e la Consulta delle Culture del Comune di Palermo.

All’iniziativa collaborano inoltre, tra gli altri: rettoria di S. Giovanni decollato, progetto “Albergheria e Capo insieme”, Associazione “Segno indelebile”, “Association Francophone de Palerme”, Associazione “Biblioteca delle Balate”, Associazione “CIAS La Guilla”, Associazione “Festival Energie alter-native”, Associazione “Guide Turistiche”, Associazione Musicale “Albert Schweitzer”, Associazione “Non solo sterrato”, Associazione “Officina Creativa Interculturale”, Associazione “Parco del sole”, “Brusio Netlabel”, “Casartigiani – Palermo”, Circolo “Arci Porco rosso”, comitato “Palermo solidale con il popolo curdo”, Comunità Mauritius, Cooperativa “al Revès – Sartoria Sociale”, ERSU Palermo, Forum antirazzista Palermo, Forum delle Associazioni (Amici dei Musei, ANISA, Dimore Storiche, Italia Nostra, Salvare Palermo), “Institut Francais”, Istituto tecnico per il Turismo Marco Polo, Liceo Danilo Dolci, Liceo Vittorio Emanuele II, Liceo Ninni Cassarà, Liceo Regina Margherita, Officina di Studi Medievali – Institut Bourguiba, Oratorio S. Chiara, Osservatorio “Nourredine Adnane”, Soprintendenza Regionale ai Ben Culturali e Ambientali di Palermo, Università di Palermo – Dipartimento di Scienze giuridiche, Università di Palermo – Scuola di Lingua Italiana per Stranieri.