L’eterogenesi dei fini

Pubblicato: 19 marzo 2015 in Attualità
Tag:, , ,

di Margherita Tomasello

Questo piccolo redazionale lo dedico a mio padre, il quale mi ha insegnato il significato di onestà, umiltà e coraggio. Grazie Papà per avermi reso una donna libera!

La tesi dell'”eterogenesi dei fini” fu teorizzata per la prima volta da Giambattista Vico, secondo cui la storia umana contiene in sé potenzialmente la realizzazione di certe finalità. Più semplicemente, il percorso evolutivo dell’uomo è mirato al raggiungimento, tappa dopo tappa, di un qualche fine. Tale percorso non è però da intendersi come lineare. Quindi, nella maggior parte dei casi, accade che, mentre ci si propone di raggiungere alti e nobili obiettivi, la storia arrivi a conclusioni totalmente opposte.

Mai una teoria fu così attuale! E parliamo di un periodo compreso fra il 1600 e il 1700, che ci fa riflettere sino ad arrivare sempre alle nostre amare conclusioni. Purtroppo, negli ultimi anni possiamo contare tantissimi esempi che ci confermano questa tesi. Ma mi limiterò a soli due esempi, prendendo quelli più attuali. Il primo è quello dell’uomo politico. Chi inizia questo percorso, F9A39F76-C3E7-11qualsiasi sia la sua ideologia, parte con il presupposto di voler cambiare il mondo per un bene sociale e altruistico. Ma, inesorabilmente, già a metà del suo percorso, questo intento viene cambiato ed  il bene viene ridimensionato a quello della sfera personale, del proprio io, dimenticandosi degli altri. Il secondo è quello dell’uomo antimafia. Sicuramente ha iniziato con i migliori propositi: onestà, voglia di cambiare il mondo, di essere un punto di riferimento etico universale. Purtroppo, anche in questo contesto, chi inizia questo percorso, nella maggior parte dei casi, devia dalla via maestra, deturpando e mortificando un modo di essere, di vivere, di agire, svilendo il tutto nel far vincere le tentazioni più materiali e vili dell’essere umano, quali potere, denaro e vanagloria.

Vi racconto questa esperienza di alcuni giorni fa, che sembra un paradosso. Parlando con dei ragazzi disoccupati, ad un certo punto uno di loro mi dice: ”che vale essere iscritti alle liste di disoccupazione, presentando curricula con tanto di laurea, quando, se ci iscriviamo all’antimafia, possiamo trovare lavoro in tutti gli enti, addirittura nei consigli d’amministrazione?”. Mi piacerebbe tanto che a questa domanda potessero rispondere gli innumerevoli personaggi che hanno usufruito, in questi anni, dei benefici, dei privilegi e delle agevolazioni dello Stato, contro ogni principio di uguaglianza costituzionale, alterando la legge di mercato, distruggendo la concorrenza, occupando posti di grande prestigio e di potere, solamente perché protetti dallo scudo di un “nome”. Tutto questo a danno non dei mafiosi, ma di tutti i cittadini ed imprenditori per bene, ligi alle regole ed alla legge, che non hanno mai commesso alcun reato o atto doloso.

La mafia e qualunque altro male si combattono concretamente nella nostra quotidianità, nel nostro lavoro, nelle nostre famiglie, con le azioni di ogni giorno, con l’educazione, con l’esempio; non certo con i proclami, con le bandiere o con le spille.

Infine, mi piacerebbe sapere qual’è stato l’apporto concreto e documentato di certa antimafia in termini di sviluppo, di soluzione dei problemi, di vera lotta alla mafia, di miglioramento della vita sociale, al di là delle parole e dei simboli; insomma, se vi è stato un valore aggiunto per un cambiamento reale e concreto della nostra società. O forse è stato un modo per sostituirsi ad altri poteri, con un’ottima strategia, per lasciare “Gattopardianamente” il tutto così come era prima?

Forse è meglio non ricevere risposta, coltivando la speranza che qualcosa sia veramente cambiato o che cambierà. Come successo in passato, dobbiamo comunque continuare a sperare nell’uomo, perché la storia ci insegna che esistono casi di eroismo che ci fanno diventare ottimisti, eroi eterni come Falcone e Borsellino. Dobbiamo, quindi, sperare che il Padre Eterno ci invii, il prima possibile, altri uomini come questi, che difenderanno i miti, i giusti, i silenziosi, gli umili, gli Italiani tutti. Perché i sostantivi “antimafia” ed “anticorruzione”, che voglio e vorrò sempre elogiare, appartengono a tutti noi!

commenti
  1. Antonio Ferro ha detto:

    Concordo su tutto. Siamo la minoranza consapevole, le cose cambiano se diventiamo sempre di più.

    Inviato da iPhone

    >

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...