Agricatering. Scoprire e rilanciare le antiche ricette dei territori rurali

Pubblicato: 8 marzo 2015 in Agricoltura
Tag:, ,

Scoprire e rilanciare le antiche ricette dei territori rurali con prodotti di stagione appena raccolti e subito cucinati, creare un rapporto diretto fra produttore e consumatore anche a tavola, offrire nuove occasioni di reddito alle aziende agricole “rosa”. Sono tra gli obiettivi dell’AgriCatering, la nuova attività ideata da Donne in Campo – Cia che prevede l’offerta di servizi di catering a filiera corta, dove tutto nasce direttamente dal lavoro nei campi senza intermediazioni.

Il progetto, presentato ieri a Roma, ha un valore IMG_0592anche economico, con un potenziale da 150 milioni di euro l’anno, secondo le stime Cia. L’AgriCatering è già partito in via sperimentale in Toscana e in Basilicata, ma ora lo scopo è di creare una vera e propria “rete” nazionale. E per fare questo, le imprenditrici agricole della Cia si sono già dotate di un marchio ‘ad hoc’ e di un rigido disciplinare. “I prodotti agricoli impiegati nell’attività di Agricatering – recita il disciplinare – devono provenire prevalentemente dall’impresa, singola o associata, beneficiaria del marchio e dal territorio in cui essa opera”. Nei menu si deve tra l’altro specificare sia “la provenienza dei prodotti, i tipi di produzione, la stagionalità degli alimenti e i requisiti del servizio (cottura forno a legna, ecc.)”.

L’AgriCatering, ha spiegato la presidente di Donne in Campo Mara Longhin, “porta con sé molteplici vantaggi: offrire ai clienti prodotti locali e di stagione, soprattutto quelli dimenticati o a rischio, contribuire alla tutela della biodiversità, avere una funzione anche educativa e culturale nei confronti dei consumatori, soprattutto dei giovani, che avranno l’opportunità di conoscere ricette e sapori contadini”. “Le donne che fanno Agricatering – ha osservato il presidente della Cia, Dino Scanavino – non porteranno sulle tavole solo del buon cibo, ma anche le tradizioni e le culture dei territori. E i prezzi sono in linea con quelli dei catering convenzionali”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...