Ars. Siamo a marzo, ma della manovra dell’Assessore Baccei nemmeno l’ombra!

Pubblicato: 5 marzo 2015 in Politica
Tag:, ,

di Giulio Ambrosetti

Siamo già a marzo e dobbiamo prendere atto che, fino ad oggi, l’Assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei – inviato in Sicilia dai due “scienziati” senza scienza del governo nazionale, al secolo Matteo Renzi e Graziano Delrio – ha regalato alla nostra Isola solo una quantità industriale di chiacchiere. Siamo già a marzo e l’Assessore si è cimentato in tre o quattro dotte conferenze stampa, in una trentina di interviste e in un centinaia di dichiarazioni ad effetto. Siamo già a marzo e nella commissione Bilancio e Finanze dell’Ars non è ancora arrivata la tanto attesa manovra economica e finanziaria dell’assessore Baccei.143801260-b9552799-155b-4065-83d6-90d836a22889

L’ammettiamo: seguiamo da oltre trent’anni le cronache dell’Assemblea regionale siciliana e non ci è mai capitato di incontrare, sulla nostra strada, un personaggio che sintetizza in sé tanta arroganza e tanta presunzione: e in questo, bisogna riconoscerlo, l’Assessore Baccei sembra insuperabile. Aveva detto che prima avrebbe presentato un pacchetto di riforme propedeutiche alla manovra di Bilancio 2015. Eravamo a dicembre, a Natale ancora lontano. Siamo a marzo e, a distanza di tre mesi, come già accennato, in commissione Bilancio e Finanze non c’è ancora traccia né del pacchetto di “riforme propedeutiche”, né del ‘Bozzone’ con lo schema del Bilancio e della Finanziaria. Nulla di nulla. Siamo a marzo e, a parte le chiacchiere dell’assessore Baccei, a parte i paraninfi che si porta dietro (ce n’è uno, in particolare, piazzato in assessorato dall’onorevole Davide Faraone, che si dà arie da grande economista che a vederlo è una scena!), le uniche due cose che si sono materializzate fino ad oggi sono una legge di esercizio provvisorio fuori legge (un esercizio provvisorio, a norma di legge, non può prevedere nuove spese!) non impugnata (a questo è servita, alla fine, la sostanziale abolizione dell’ufficio del Commissario dello Stato per la Sicilia: a sostanziare e ad avallare le violazioni di legge! Complimenti vivissimi alla Corte Costituzionale!) e un nuovo mutuo da quasi 2 miliardi di euro per pagare debiti e spesa corrente. Assessore Baccei, non le sembra un po’ poco? E’ tutta qui la sua bravura? Come direbbe il grande Totò: “Ma ci faccia il piacere!”. 

L’assessore Baccei vorrebbe recuperare 400 milioni di euro taglieggiando i dipendenti regionali (soprattutto la dirigenza), i pensionati della stessa Regione, gli operai della Forestale, i circa 600 addetti del Corpo forestale, i Comuni e tutti i precari, della Regione, delle Province commissariate e degli stessi Comuni. Ma teme che tutti questi soggetti si catapultino sotto il suo assessorato per mangiarselo vivo. Così, furbescamente, vorrebbe far prendere il fuoco con le mani ai deputati dell’Assemblea regionale siciliana. La strategia dovrebbe essere quella di un maxiemendamento che dovrebbe contenere il pacchetto di riforme (cioè i tagli) e Bilancio e Finanziaria. Una “minestra impiattata” che il Parlamento siciliano dovrebbe approvare a scatola chiusa, senza dibattito. Una porcata sul modello dei decreti-legge-porcate con i quali governa e legifera il Renzi-Mussolini a Roma. Bisognerà capire se troverà 46 parlamentari di Sala d’Ercole disposti ad avallare questa porcata. E, soprattutto, bisognerà capire se il Presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, sarà disposto a perdere la faccia per avallare una porcata simile.palazzonormanni

Da quello che abbiamo capito, il Governatore dell’Isola, Rosario Crocetta, non sembra molto convinto del “minestrone” in preparazione in casa Baccei. Gli unici convinti dovrebbero essere i parlamentari renziani dell’Ars. Ma quanti sono? Questa è una bella domanda. Tutto sommato, tra transfughi, giannizzeri, “iloti” del Pd e cascami parlamentari vari, qualche numero, in Aula, l’Assessore Baccei e Faraone potrebbero raggranellarlo. Ma non la maggioranza. Bisognerà vedere cosa faranno il Pd, gli esponenti di Sicilia democratica e i deputati del Megafono. Il capogruppo di Sicilia democratica, Totò Lentini, da parte sua, ha detto che non accetterà tagli a dipendenti e pensionati regionali. E se manterrà la parola Baccei avrà vita difficile. Anche nel Megafono non sembra ci sia molta convinzione rispetto alla minestra-Baccei. Forse gli unici disposti a seguire l’Assessore e Faraone potrebbero essere i parlamentari del Pd, o quanto meno la maggior parte di questi, visto che ormai non hanno nulla da perdere. A parte i deputati dell’ala cuperliana che non sono entrati nel governo, tutti gli altri parlamentari di Sala d’Ercole del Pd non hanno più problemi, ogni mattina, nel guardarsi allo specchio. E bisogna capirli: a Roma sono con Renzi (e vedi che mangiano!); in Sicilia stanno con Baccei; hanno pure partecipato ai “tavoli tematici” della Leopolda sicula, dove hanno discettato per ben due giorni del nulla mescolato col niente! Insomma ormai sono impresentabili persino al cospetto dell’elettorato siciliano del Pd, ormai costretto a votare il peggio del peggio (fino a quando?).

Allora: ce la farà il nostro assessore Baccei a “sbucciare” al sangue dei Siciliani altri 400 milioni di euro con i voti della “sinistra”? Già il governo nazionale ha derubato alla Sicilia (non troviamo un termine più calzante) circa 5 miliardi di euro negli ultimi due anni. Per strappargli altri 400 milioni di euro bisognerà far perdere il lavoro, sotto tutte le forme, ad altri siciliani.

In attesa dei documenti ufficiali aspettiamo le nuove interviste, le nuove dichiarazioni e, magari, qualche altra dotta conferenza stampa dell’assessore Baccei…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...