Video dell’intervista rilasciata a Lentini (Sr) dalla Vicepresidente di Slow Food Italia, Cinzia Scaffidi

Pubblicato: 1 febbraio 2015 da Sicilia più in Biologico
Tag:, ,

di Francesco Cancellieri

Nell’intervista  la Vicepresidente di Slow Food Italia, Cinzia Scaffidi, in occasione di un incontro con le Condotte Siciliane a Lentini (Sr) il 1° Febbraio 2015.

cinzia-scaffidi

Di seguito alcuni cenni su Slow Food.

Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai sapori di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Ogni giorno Slow Food lavora in 150 Paesi per promuovere un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti.

82603475

Oggi Slow Food conta su una fitta rete di soci, amici e sostenitori in tutto il mondo grazie ai quali:

difende il cibo vero, perché un cibo che cessa di essere merce e fonte di profitto, rispetta chi produce, l’ambiente ed il palato;

promuove il diritto al piacere per tutti, con eventi che favoriscono l’incontro, il dialogo, la gioia di stare insieme. Perché dare il giusto valore al cibo, vuol dire anche dare la giusta importanza al piacere, imparando a godere della diversità delle ricette e dei sapori, a riconoscere la varietà dei luoghi di produzione e degli artefici, a rispettare i ritmi delle stagioni e del convivio;

ci si prepara al futuro venendo incontro al bisogno di terreni fertili, di specie vegetali e animali, con meno sprechi e più biodiversità, meno cemento e più bellezza. Conoscere il cibo che si porta in casa, può aiutare il pianeta. Ecco perché Slow Food coinvolge scuole e famiglie in attività ludico-didattiche, tra cui gli orti nelle scuole e i 10.000 orti in Africa;

si valorizza la cultura gastronomica, per andare oltre la ricetta, perché mangiare è molto più che alimentarsi e dietro il cibo ci sono produttori, territori, emozioni e piacere;

si favorisce la biodiversità ed un’agricoltura equa e sostenibile, dando valore a quella di piccola scala e ai trasformatori artigianali attraverso il progetto dei Presìdi Slow Food, e proteggendo i prodotti a rischio di estinzione con l’Arca del Gusto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...